Consorzio di bonifica dell’Oristanese. Appello per evitare eventi calamitosi tragici

23 Settembre 2022

IL Consorzio di Bonifica dell’Oristanese ha inviato ieri una nota al Presidente della Regione On.  Christian Solinas, All’Ass.re Regionale dell’Agricoltura Dott.ssa Gabriella Murgia ed all’Ass.re Regionale dei Lavori Pubblici Dott. Aldo Salaris, alle Associazioni Agricole, all’ANBI regionale nonché a tutti i 25 Sindaci del territorio compreso nel Comprensorio di bonifica.

Con tale nota, partendo dai drammatici avvenimenti dei giorni scorsi nella regione Marche, dal ricordo delle alluvioni che hanno colpito la nostra isola in anni recenti, e dalla consapevolezza che le peculiari caratteristiche del territorio Oristanese rendono possibile il verificarsi di fenomeni analoghi, il Presidente Corrias ha inteso sensibilizzare i vertici regionali sulla necessità di un intervento straordinario ed urgente finalizzato alla sicurezza del territorio.

Il Consorzio di Bonifica dell’Oristanese, ai sensi della L.R. 06/08 ha tra i suoi compiti istituzionali la gestione, della rete scolante al diretto servizio della produzione agricola e la gestione delle opere di bonifica idraulica al servizio del territorio. Funzione che il Consorzio svolge in un comprensorio di 85.000 Ha appartenenti a 25 comuni, particolarmente sensibili perché a scarsa capacità di deflusso idrico, anche con la gestione e manutenzione di 12 impianti idrovori e circa 2.000 Km di canali di dreno.

La delicatezza e l’importanza di tali attività, – sostiene il presidente Corrias – generalmente poco nota ai più, diviene improvvisamente evidente ogniqualvolta si verificano fenomeni alluvionali, che devastano il territorio e assurgono agli onori delle cronache, con i loro danni e le loro vittime”.

 La normativa regionale prevede che i costi per la gestione e manutenzione delle opere sopra citate siano al 100% a carico della Regione, ma i contributi annualmente assegnati risultano nettamente inferiori sia alle spese effettivamente sostenute dal Consorzio sia di quelle che sarebbe necessario effettuare per garantire la più idonea manutenzione delle opere e così salvaguardare efficacemente il territorio.

L’Ente consortile si trova in una situazione insostenibile, perché è cosciente che sarebbe necessario incrementare le attività di bonifica al fine di garantire la salvaguardia del territorio, ma sa anche che farlo lo costringerebbe ad aumentare ulteriormente i tributi a carico delle aziende agricole, in misura non sostenibile per un settore già in forte sofferenza.

Gli eventi meteorici sopra citati rendono quanto mai evidente l’urgente necessità che si effettui nel comprensorio un intervento manutentivo urgente di ampia scala che metta in sicurezza tutte le aree più sensibili, rimuovendo o riducendo le criticità esistenti, secondo un programma che il Consorzio intende concordare con le Amministrazioni Comunali interessate.

Considerato che un simile programma non può essere realizzato attingendo ancora una volta dalle risorse delle aziende agricole, ed in attesa che si trovi una soluzione non temporanea al problema di dare un adeguato finanziamento delle attività di bonifica e difesa del territorio, risulta necessario disporre in tempi quanto mai rapidi di un contributo straordinario per la sua realizzazione, che il Consorzio ha stimato in 3 milioni di euro.

A supporto di tale iniziativa l’Ente intende convocare nelle prossime settimane un incontro con tutti i Sindaci del territorio per valutare gli interventi necessari ed urgenti al fine di cercare di rimuovere, o quanto meno limitare nei limiti del possibile, tutte le criticità da rischio idrogeologico.

Vuoi avere visibilità e promuovere la tua azienda?

Contattaci e sarai richiamato subito

    Per maggiori informazioni sulla nostra Privacy Policy e sul trattamento dei dati personali clicca qui

    Progetto comunicazione Vento ADV