Il Cet dell’ospedale Delogu costa 800 mila euro annui. Gli Ordini dei medici scrivono a Nieddu

9 Giugno 2021

I quattro Ordini dei medici della Sardegna scrivono all’assessore alla sanità Mario Nieddu: “La sanità privata non è la soluzione”. Ecco il testo integrale della lettera:

“Facendo riferimento all’apertura del Punto di Primo Intervento presso l’Ospedale
Delogu di Ghilarza, attuato con i cosiddetti “medici in affitto”, assunti tramite una
gara d’appalto bandita dall’Ats Sardegna per un compenso annuo che sfiora gli 800
mila euro, gli Ordini dei Medici della Sardegna si chiedono, e chiedono alla SS.LL., se tale iniziativa costituisca un primo tassello per affrontare il problema della carenza negli organici nei Pronto Soccorso degli ospedali sardi.
Gli Ordini ritengono che affidare ai privati la gestione di un servizio così importante e
cruciale sia inopportuno, sia per i costi esorbitanti che comporta, sia perchè non si
forma e si assume personale legato al territorio e motivato a lavorarci a lungo.
Riteniamo che in questo momento la scelta più fattibile e realistica sia quella di
attivare un nuovo Corso di formazione per medici “aspiranti” all’attività di medicina
d’emergenza-urgenza (118), per i quali il Contratto Collettivo Nazionale prevede la
possibilità di un utilizzo all’interno dei Pronto Soccorso anche per trattare i codici gialli e rossi.
La presente per chiedere alle SS.LL., a nome dei Presidenti un incontro, al fine di
poter valutare insieme le possibili strategie utili a risolvere il problema, e poter dare,
in tempi relativamente brevi, ai cittadini, una risposta concreta e necessaria per le
situazioni di emergenza-urgenza.
Cordiali saluti
Il Presidente OMCeO Cagliari – dr. Giuseppe Chessa
La Presidente OMCeO Nuoro – D.ssa Maria Giobbe
Il Presidente OMCeO Oristano – dr. Antonio Sulis
Il Presidente OMCeO Sassari – dr. Nicola Addis

Vuoi avere visibilità e promuovere la tua azienda?

Contattaci e sarai richiamato subito

    Per maggiori informazioni sulla nostra Privacy Policy e sul trattamento dei dati personali clicca qui

    Progetto comunicazione Vento ADV