Oristano. Ladri da Douglas, in centro. Poliziotti di quartiere sventano il furto

16 Gennaio 2021

Erano in due, una giovane e un uomo di mezza età. Sono entrati nella profumeria Douglas, nel centro storico di Oristano, con fare insospettabile. Almeno fino a quando la giovane ha iniziato a fare domande ad una delle commesse. Troppe domande, così da far venire il sospetto che nel frattempo l’uomo stesse compiendo qualcosa di illecito. E così era. Peccato che qualcuno più sveglio di loro, e cioè una commessa, accorgendosi del furto, sia riuscito a chiamare i poliziotti di quartiere.

Gli uomini della Questura, insieme ad un equipaggio delle Volanti, sono intervenuti prontamente e hanno perquisito i due ladri. Ad un primo riscontro, sembrava non avessero preso nulla, ma in realtà la borsa della giovane era schermata, per eludere l’antifurto, e aveva un doppio fondo, che nascondeva diverse scatole di profumi. I più costosi, per un totale di quasi 800 euro di merce.

A quel punto, i poliziotti hanno proceduto al fermo e i due, residenti nella Provincia di Sassari, sono stati portati in Questura e.denunciati per furto aggravato. Entrambi hanno numerosi precedenti specifici.

Nei confronti degli stessi è stato, inoltre, emesso il foglio di via obbligatorio da parte del Questore di Oristano.

Non si tratta di un caso isolato. Nelle scorse settimane, infatti è accaduto un analogo caso, ma il furto è avvenuto in un negozio di abbigliamento da parte di due donne, di cui una minorenne, del cagliaritano, già note perché denunciate dagli uomini delle Volanti e della Squadra Mobile per numerosi precedenti analoghi, tra cui una rapina, commessi nello scorso anno in città.

Le stesse, dopo aver rimosso le placche anti-taccheggio da diversi capi di abbigliamento, sono state notate dalla commessa che, insospettita, le ha seguite fino ai parcheggi dove, dopo aver acquisito il numero di targa dell’auto dove le stesse sono salite, ha chiamato il numero di emergenza “113” per segnalare l’accaduto.

Nel giro di poco tempo, le pattuglie delle Volanti, messesi subito alla ricerca dell’auto, hanno individuato e fermato le due pregiudicate nei pressi della piccola utilitaria e, dopo aver constatato che le donne erano sprovviste di documenti di identità, le hanno accompagnate presso gli uffici della Questura dove sono state identificate, foto-segnalate e perquisite.

Nel corso delle operazioni, nell’auto delle due fermate, gli agenti hanno trovato diversi capi di abbigliamento, accessori e profumi di marca, ancora con le etichette, oltre ad una calamita utilizzata per sbloccare le placche anti-taccheggio e una borsa schermata per eludere i sistemi antifurto posizionati nei pressi delle uscite dei negozi oggetto delle razzie.

Vuoi avere visibilità e promuovere la tua azienda?

Contattaci e sarai richiamato subito

    Per maggiori informazioni sulla nostra Privacy Policy e sul trattamento dei dati personali clicca qui

    Progetto comunicazione Vento ADV