Parezas a San Leonardo. Va in archivio un grande spettacolo

8 Agosto 2022

Si è conclusa ieri la due giorni di “Parezas” de Sa Carrela ‘e nanti che ha animato la borgata di San Leonardo de Siete Fuentes, nel comune di Santu Lussurgiu. Il suggestivo giardino storico è stato lo scenario ideale per un evento unico nel suo genere, che ha ottenuto un grande successo e una forte partecipazione del pubblico. I sessanta cavalieri de Sa Carrela ‘e nanti, finalmente riuniti dopo due anni, con grande emozione hanno potuto così rinnovare il loro abbraccio,“sa parezas” – file rouge della manifestazione – e dare prova della loro abilità lungo la pista che ha attraversato la via principale della borgata.

La comunità lussurgese ma anche i tanti visitatori locali e turisti lì presenti, hanno assistito dunque a uno spettacolo unico, sinonimo di ripresa e ritorno alla normalità oltre che aver dato senso di continuità a una tradizione del mondo equestre così identitaria e importante come quella di Sa Carrela ‘e nanti che, dopo due anni per via le limitazioni dovute alla pandemia, è finalmente pronta a tornare dal vivo in vista del prossimo carnevale.

Nella prima giornata di sabato 6 agosto, lungo la via principale della borgata di San Leonardo de Siete Fuentes, hanno sfilato, uniti in pariglia, i sessanta cavalieri, con indosso i costumi tipici tradizionali di Santu Lussurgiu o di altri paesi limitrofi. Accolti con affetto dal pubblico presente, hanno dato prova della loro abilità in un contesto completamente nuovo a tutti ma perfetto per racchiudere lo spirito della giostra equestre, Sa Carrela ‘e nanti, sintesi del carnevale di Santu Lussurgiu, e che si è cercato di far rivivere con questo nuovo evento.

Gioele Brazzi

Ad aprire le corse, è stata la prima pariglia di un giovane lussurgese, Gioele Brazzi, sindaco dei ragazzi e delle ragazze del consiglio comunale di Santu Lussurgiu. Con indosso la fascia tricolore ha percorso a tutta velocità la pista, acclamato dalla folla esultante. A seguire, fino alle 20 di sera, i cavalieri si sono alternati in suggestive discese, “uniti” in corsa con il braccio di uno sul braccio dell’altro. Le atmosfere della musica tradizionale sarda e la voce di Maria Luisa Congiu hanno poi chiuso la prima giornata di “Parezas” riunendo tutti sotto il palco in un’unica grande festa.

Il giorno dopo, domenica 7 agosto, spazio poi a nuove visite guidate alla scoperta del giardino storico e della chiesa di San Leonardo, a cura dei volontari del Ceas di Santu Lussurgiu “Don Deodato Meloni”. In tanti hanno deciso di raggiungere la borgata di San Leonardo anche per gustare e acquistare le prelibatezze e i prodotti tipici locali in occasione della mostra mercato proposta dal Centro commerciale naturale Bantzigallelle. Per non parlare dei più piccoli che hanno potuto divertirsi grazie all’animazione e l’intrattenimento con i giochi gonfiabili, palloncini e zucchero filato.

Una scommessa quindi riuscita quella di “Parezas” e che l’amministrazione comunale e l’associazione Cavalieri Sa Carrela ‘e nanti hanno voluto fare per dare vita a una nuova manifestazione che si potesse tenere in un periodo estivo, oltre che dare un senso di continuità a uno dei carnevali storici più noti in Sardegna e riprendere in mano la tradizione del mondo equestre, ritenuta tra i simboli più identitari e autentici della comunità locale.

Allo stesso tempo, una manifestazione riuscita come questa, potrebbe anche esser l’occasione per dare il via a un nuovo evento estivo che si spera possa diventare un appuntamento fisso oltre che un’attrazione turistica per i tanti visitatori locali e non che si troveranno in vacanza o di passaggio nel suggestivo borgo nel Montiferru.

Il Sindaco Diego Loi col Sindaco dei ragazzi Gioele Brazzi

“Siamo soddisfatti per la riuscita dell’evento”, dichiara il sindaco di Santu Lussurgiu, Diego Loi, “e ora puntiamo verso l’edizione 2023 de Sa Carrela ‘e nanti, nel periodo e location abituali, tradizione indiscutibile e intoccabile, che tanto manca alla comunità e ai cavalieri”. “Parezas de Sa Carrela ‘e nanti”, aggiunge sempre il primo cittadino Diego Loi, “è stata occasione di grande sinergia tra amministrazione e associazione cavalieri, e con tutti gli altri organismi che hanno collaborato, che voglio ringraziare vivamente. San Leonardo, un luogo di pace e di intimità, ha permesso poi a tutta la comunità di ritrovarsi in un’occasione così speciale”.

“L’emozione che abbiamo vissuto sabato è stata unica. C’era una bella armonia e il posto si prestava perfettamente, nessuno si aspettava un successo del genere: ritrovarci in una nuova pista e in un luogo a noi caro come quello di San Leonardo è stato emozionante”, conferma poi Diego Deriu, presidente dell’associazione “Cavalieri Sa Carrela ‘e nanti”. “Tutto è andato come doveva andare, grazie anche al prezioso supporto delle forze dell’ordine che hanno permesso a tutti di assistere e vivere la manifestazione in totale sicurezza e tranquillità”.

Vuoi avere visibilità e promuovere la tua azienda?

Contattaci e sarai richiamato subito

    Per maggiori informazioni sulla nostra Privacy Policy e sul trattamento dei dati personali clicca qui

    Progetto comunicazione Vento ADV