Niente voli per la trasferta della Tharros femminile. L’assessore Franceschi: “Rinvio o campo neutro”

“Esprimo grande preoccupazione per quanto sta accadendo alla Tharros che, a causa dell’indisponibilità di biglietti aerei e navali, corre il rischio di dover saltare la semifinale nazionale della Coppa Italia femminile in programma domenica 4 giugno a Catania. È una situazione incredibile che evidenzia da un lato la fragilità del nostro sistema dei trasporti, dall’altro l’ingiustizia sportiva a cui potrebbe andare incontro la squadra di Oristano che sul campo ha meritato l’accesso a questo straordinario traguardo”.

L’assessore allo Sport Antonio Franceschi

Lo dice l’Assessore allo Sport del Comune di Oristano Antonio Franceschi che, informato dalla dirigenza della Tharros, si è immediatamente attivato nei confronti delle autorità sportive federali per trovare una soluzione al problema: “La mancanza di biglietti aerei e navali è diventata un ostacolo insormontabile per le giocatrici e lo staff che dovrebbero raggiungere la sede della partita –  evidenzia l’Assessore Franceschi -. È un problema oggettivo che dovrebbe essere tenuto in debito conto per spostare la data dell’incontro. I dirigenti della Tharros hanno cercato in ogni modo di trovare soluzioni alternative per garantire la presenza in campo delle proprie atlete: sono state contattate agenzie di viaggio e le compagnie aree e marittime che effettuano collegamenti dalla Sardegna alla Sicilia. Questa situazione impedisce alla squadra di viaggiare in modo adeguato a partecipare alla gara, mettendo a repentaglio l’impegno sul campo e gli sforzi economici profusi fino ad oggi”.

“Mi associo all’appello della Tharros Femminile affinché vengano adottate misure immediate per risolvere questa situazione. È fondamentale garantire pari opportunità a tutte le squadre partecipanti, consentendo loro di competere nella fase cruciale della competizione senza ostacoli insormontabili – conclude l’Assessore Franceschi -. Invito la FIGC a trovare una soluzione adeguata a garantire il diritto sportivo guadagnato sul campo, spostando la data o, considerando che si tratta di una gara secca, individuando una sede neutra facilmente raggiungibile da entrambe le formazioni”.

Condividi questa notizia: