Cooperativa Produttori Arborea. Gli obiettivi del nuovo Presidente Walter Mureddu

La Cooperativa Produttori Arborea ha rinnovato il proprio direttivo nei giorni scorsi, eleggendo alla presidenza Walter Mureddu, 51 anni, vicepresidente negli ultimi anni. Insieme a lui, nel consiglio, alcuni vecchi membri come Paolo Pinos, Roberto Pivetta, Federico Torresan, Vittorio Signor, a cui si aggiungono due figure nuove, i soci Roberto Bergamin e Andrea Poli.
“Siamo consapevoli delle difficoltà del periodo che stiamo vivendo: questa Cooperativa è una macchina difficile da guidare – dichiara il neo presidente – per via dei molteplici settori che racchiude nel suo apparato, per la flessibilità dei mercati ed ora per la paralisi dei flussi commerciali causata dal COVID”.

Il Presidente della Coop Produttori, Walter Mureddu


La Cooperativa Produttori Arborea conta su circa 200 soci e ha un’attività che spazia in diversi settori dell’agroalimentare.

“Siamo qui per mettere a disposizione della cooperativa le esperienze maturate in questi anni di amministrazione – dichiara Mureddu – Abbiamo sotto gli occhi la drammatica difficoltà del settore zootecnico, ma siamo determinati a spendere tutto il nostro impegno per cercare di abbattere i costi di produzione del latte e fare in modo che nessun allevatore resti solo nelle difficoltà. Continueremo nella strada già intrapresa per il nostro settore ortofrutticolo, traino economico per la cooperativa, a differenza di ciò che avveniva in passato”.

Nei programmi del nuovo Presidente, nessun riferimento al passato. Non è il momento delle polemiche, ma quello di rimboccarsi le maniche: “Sappiamo che è necessario potenziare ulteriormente il settore mulino, nella zona industriale di Santa Giusta, con l’obiettivo di soddisfare al meglio le esigenze dei soci e non solo.
Altro obiettivo è quello di valorizzare e migliorare il magazzino merci, predisponendo inoltre un servizio di consegna a domicilio”.
Tra gli obiettivi del nuovo consiglio, inoltre, quello di assistere i soci nella gestione delle scadenze, in sinergia con gli istituti di credito, al fine di preservare il patrimonio di tutti i soci.

Condividi questa notizia: