Coronavirus. Il circolo PD di Cabras: “Propaganda le misure chieste dall’opposizione”

Il circolo di Cabras del Partito Democratico interviene sul tema dei controlli per verificare il rispetto delle norme di contenimento del Coronavirus.

“Appare, ancora, essere assente, tra tantissimi cittadini di Cabras, la piena consapevolezza del pericolo che, in questo momento, grava sulla salute di tutti e di ciascuno. Ecco perché il Circolo del Partito Democratico considera indispensabile un’intensificazione della comunicazione istituzionale e dei controlli sul territorio comunale, da parte delle forze dell’ordine, quale unico deterrente capace di scoraggiare condotte palesemente prive di buonsenso e incuranti del rischio in atto”.
In ordine, invece, alla proposta avanzata dalle forze di opposizione in consiglio comunale sulla sospensione dei tributi locali, il Circolo del Partito Democratico ritiene che tale proposta debba essere valutata, compatibilmente con le esigenze di bilancio del Comune. Nei termini in cui essa è stata formulata, però, appare un modo per accattivarsi le simpatie nei confronti della popolazione, più che una strada realmente percorribile. Il tempo dell’emergenza non può essere il tempo della propaganda: scelte di natura economica assunte sulla base di una spinta emotiva, seppure indiscutibilmente popolari, se non ponderate con estrema attenzione, possano arrecare alla collettività danni ancora maggiori rispetto a quelli che, oggi si possano, astrattamente, prevedere. Tali considerazioni, tuttavia, non esimono l’amministrazione comunale, dal vagliare qualsivoglia azione amministrativa che possa contribuire ad alleviare i gravi disagi subiti da famiglie e imprese.
Infine, sarebbe auspicabile, come già avviene in molti comuni della Provincia, la sollecitazione e la celere attivazione di un servizio di volontariato che, attraverso le associazioni locali o i singoli cittadini, consenta di fornire idonea assistenza, specie agli anziani e ai malati, per l’approvvigionamento di beni di prima
necessità, sia alimentari che farmaceutici.

Condividi questa notizia: